Canzone a Pan

Pont de la jonction à Genève

Guido Mura - 15-8-2011 - Genève - Canon Digital IXUS 110 IS

L’iride brilla tra le chiazze impure
calando i prati dentro gabbie mute
mentre il terrore incombe del meriggio
Eccomi – Pan – di amanti senza patria
portati da catene di parole
non è più tempo più non si sdipana
il groviglio dei segni
il tormento dei sensi
Non ha più senso il rauco spumeggiare
tra le corvette il saltellio di merli
e gazze l’infinito immaginato
e il finito presente

Raggelato mi stendo in una luce
che non dà pace in una selva rude
che la tempesta ignora
nemmeno una parola
esce dalle mie labbra
Non c’è fiamma ripenso non c’è fiamma
né carta da bruciare
e anche il vento è cessato all’improvviso

Ho scoperto la ninfa
che si ammirava curva sullo stagno
perfette le sue spalle e i suoi capelli
incorniciano il tempo
chiuso e spento nel freddo della gora
che ha un chiarore di luna
ora che è ferma e più non corre l’acqua
ad avviare il mulino

Ma se il turbine torna e ricomincia
il raggrinzarsi della luce crolla
il cielo e palpitando l’emozione
riproduce l’angoscia
Il metallo riemerge da ogni stelo
e ogni fiore trasuda idrocarburi
mentre appassisce e muore
L’universo così rivive e scorre
ad ogni morte stritolando sogni
e le piccole zolle in cui si ostina
la vita a germogliare sono fumo
di un labirinto eterno

Annunci

Informazioni su guido mura

Ho svolto varie attività: insegnante precario di lingua e letteratura italiana all'Università, bibliotecario, insegnante d'informatica, fotografo digitale. Ho pubblicato brevi saggi di letteratura e di varia cultura, in vari libri e riviste. Mi diverto a scrivere e pubblicare testi narrativi e poetici; talvolta compongo musica. Attualmente vivo a Milano. Gestisco il blog guidomura.wordpress.com - Ora mi trovate anche su Facebook, LinkedIn, Instagram, Google+, Pinterest e sul mio canale youtube.
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Canzone a Pan

  1. cristinabove ha detto:

    una mente eclettica, un pensiero fondato sulla conoscenza, ed è poesia.

  2. grazia ha detto:

    Sono anch’io un’ex “splinderiana”.
    Passo di qui lasciandoti un saluto pieno di ammirazione.
    grazia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...