Violenza

La tentazione della violenza si presenta in ogni momento di crisi o difficoltà, quando la struttura della società appare insopportabilmente oppressiva o ingiusta, quando sembra che ogni altra opzione risulti inutile o inadeguata a modificare l’esistente e a raddrizzare i torti. In quei momenti il linguaggio si fa sempre più aspro e ingiurioso, si riversa veleno, si sfoga il proprio odio, dall’uso aggressivo delle parole si giunge spesso all’azione violenta, dimostrativa e vandalistica, fino a che non si ritiene che neanche questo sia sufficiente e che si debba agire con maggiore incisività e determinazione, fino al ferimento, all’uccisione di obiettivi singoli o multipli, fino a progettare ed eseguire azioni che possano iniziare una vera e propria guerra rivoluzionaria.
A queste azioni altre forze, legate al potere socioeconomico o di altra oscura provenienza, possono poi rispondere con altre azioni eversive, gestite da specialisti nell’uso del terrore, che confondono il quadro, generando sgomento e incertezza nella gente comune.
In nessun caso queste forme di violenza potranno generare spinte di rinnovamento e risposte razionali alla fase di crisi, ma piuttosto spingeranno la maggioranza dei cittadini a ricompattarsi sotto le bandiere dei partiti tradizionali e dei sindacati, a chiedere un intervento efficace dello stato attraverso le forze dell’ordine e le strutture militari, se occorre. Il pericolo per la propria vita porterà in secondo piano le preoccupazioni per i costi della politica, lo sdegno per l’incivile divario nelle retribuzioni, il timore per la perdita del proprio status economico o giuridico. Basta un po’ di violenza e una classe dirigente corrotta e incapace può riuscire a garantirsi nuovamente l’appoggio del popolo, nella lotta comune contro un nemico feroce e sanguinario, anche se quel nemico, magari, nemmeno esiste.

Annunci

Informazioni su guido mura

Ho svolto varie attività: insegnante precario di lingua e letteratura italiana all'Università, bibliotecario, insegnante d'informatica, fotografo digitale. Ho pubblicato brevi saggi di letteratura e di varia cultura, in vari libri e riviste. Mi diverto a scrivere e pubblicare testi narrativi e poetici; talvolta compongo musica. Attualmente vivo a Milano. Gestisco il blog guidomura.wordpress.com - Ora mi trovate anche su Facebook, LinkedIn, Instagram, Google+, Pinterest e sul mio canale youtube.
Questa voce è stata pubblicata in idee, politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

23 risposte a Violenza

  1. rossodipersia ha detto:

    Cupola Nera. C’è un articolo sul Fatto “Brindisi, l’identikit dei mandanti” molto interessante.

    • guido mura ha detto:

      Molto interessante è il dibattito, sempre sul Fatto, che mostra come le tesi ufficiali vengano ancora strenuamente difese e come tanti siano ancora interessati a sostenerle, così da rispondere rabbiosamente a ipotesi alternative.

  2. deorgreine ha detto:

    Quello che dici è così vero che personalmente mi sgomenta quanto i fatti di violenza in sè. Perchè se è questo ciò che accade veramente, se è questo il motivo, l’obiettivo, (e ho il sentore e l’atroce dubbio che tu abbia davvero ragione) mi vien da dire che allora non ne usciremo mai!

    • poetella ha detto:

      infatti. Non ne usciremo mai.
      Come potevi pensare il contrario?
      Sognatrice!

      • deorgreine ha detto:

        E’ soffocante tutto ciò! E non posso credere che non vi sia soluzione. Perchè se così fosse un po’ tutto si riduce a niente, alla stupidità di pochi, pagata dai molti. NOn penso sia sopportabile.

      • guido mura ha detto:

        Per uscirne sarebbe necessario un salto qualitativo e l’erosione dei principi economicistici che stanno divorando il nostro mondo, oltre a una sistematica erosione delle stesse basi economiche del potere attuale, che passa attraverso la contrazione dei guadagni dei sostenitori e fiancheggiatori di quello stesso potere e attraverso la svalutazione culturale della ricchezza, come unico metro di valutazione di stima sociale e soddisfazione individuale.

  3. massimobotturi ha detto:

    non è un caso si enfatizzi anche l’episodio di Genova, tutti insieme a salvare la baracca.

  4. melogrande ha detto:

    Quello che ipotizzi è possibile ed è già successo.
    Non so se sia di nuovo alle porte una stagione di paura deliberatamente provocata per puntellare un potere allo sbando. Posso solo sperare di no.

  5. m0ra ha detto:

    Mi trovi d’accordo con la tua analisi. La violenza non genera razionalità, ma paura e quindi ricerca di protezione, ripiego sul conosciuto seppure non pienamente soddisfacente. Temo, come dubita Melo, che si apra una nuova fase di terrore.

  6. carmilla50 ha detto:

    ipotesi decisamente inquietante, ma purtroppo possibile. non sarebbe la prima volta che succede, credo; e se così fosse, è veramente molto difficile uscirne fuori.
    c’è solo da augurarsi che sia un caso isolato di follia omicida…sarebbe molto meglio.

  7. Torrente ha detto:

    Mi trovo perfettamente d’accordo con la tua analisi. Non sono ottimista sugli sviluppi della situazione. Non credo sia un episodio di follia la strage a Brindisi. Sotto vi è il tentativo di provocare paura per appoggiare un potere che vuole restare al potere con ogni mezzo.

  8. Sono d’accordo con te. Mi lascia sgomenta questo recrudescenza del terrorismo. Anche se fosse il gesto di un folle (ipotesi da non scartare ma che non mi trova molto d’accordo) lascia presagire che chiunque può gettare un’intera nazione nel panico. A quanto pare basta poco. Non è che in passato i vari gruppi terroristici non abbiamo ‘sparato nel mucchio’ tanto per creare il terrore, vedi strage dei treni, ma violare la santità di una scuola è aberrante! Rimane il fatto, come da te sottolineato, che oggi tutti si sono ricompattati. Nessuno parla di difficoltà economiche o si lamenta del caro-benzina. In effetti, ti viene da pensare….

  9. lillopercaso ha detto:

    Un deja-vu da brivido.

  10. Tellervo Warelius ha detto:

    I couldn’t have asked for a better blog. You happen to be always at hand to offer excellent guidance, going straight away to the point for easy understanding of your site visitors. You’re really a terrific pro in this subject matter. Many thanks for being there visitors like me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...