Europa

europa_hemingway

Il Novecento sfreccia senza posa
un crescendo vibrante che stupisce
di gravose emozioni
Hemingway e il suo fucile
le nipoti – stupende
dallo sguardo di cielo
e la crescita ancora senza fine
e il debito lontano
che pagherà qualcuno nel futuro
la ricchezza sognata
ché l’immagine è tutto
e tutto vince e tutto copre e vola
con il grande commesso
la fantasia di giochi e di lustrini
e di stelle filanti
antitedeschi – toni antitedeschi
l’Europa si dissolve
nella tristezza degli incontri – il sole
è troppo forte e stronca
le coscienze e non spiega
non si capisce il gioco e qui nessuno
nadi contra suberna

Annunci

Informazioni su guido mura

Ho svolto varie attività: insegnante precario di lingua e letteratura italiana all'Università, bibliotecario, insegnante d'informatica, fotografo digitale. Ho pubblicato brevi saggi di letteratura e di varia cultura, in vari libri e riviste. Mi diverto a scrivere e pubblicare testi narrativi e poetici; talvolta compongo musica. Attualmente vivo a Milano. Gestisco il blog guidomura.wordpress.com - Ora mi trovate anche su Facebook, LinkedIn, Instagram, Google+, Pinterest e sul mio canale youtube.
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Europa

  1. gelsobianco ha detto:

    “nadi contra suberna“
    detto in lingua occitana…
    Purtroppo, caro Guido!
    Bella poesia la tua, con immagini vive e nuove.
    Insomma tu sei sempre una rivelazione!
    Sempre.
    Guido dal multiforme essere…
    “Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io
    fossimo presi per incantamento,
    e messi in un vasel ch’ad ogni vento
    per mare andasse al voler vostro e mio.”

    Potrei unirmi anche io alla Vostra combricola!
    Che ne ne dici, “Bels amic, avinens e bos”?

    Un abbraccio
    gb

    • guido mura ha detto:

      Con piacere: nel vasel c’è posto! C’è anche un linguaggio da creare, ma in fondo ci si capisce ugualmente. Grazie per il “Bels amic, avinens e bos”.

      • gelsobianco ha detto:

        Estat ai en greu cossirier

        per un cavallier q’ai agut,

        e voill sia totz temps saubut

        cum eu l’ai amat a sobrier;

        ara vei q’ieu sui trahida

        car eu non li donei m’amor,

        don ai estat en gran error

        en lieig e qand sui vestida.

        ben volria mon cavallier

        tener un ser e mos bratz nut,

        q’el s’en tengra per ereubut

        sol q’a lui fezes cosseillier:

        car plus m’en sui abellida

        no fetz Floris de Blanchaflor:

        eu l’autrei mon cor e m’amor

        mon sen, mos huoills e ma vida.

        Bels amic, avinens e bos,

        cora us tenrai e mon poder?

        E que jagues ab vos un ser

        e qu’us des un bais amoros!

        Sapchatz, gran talan n’auria

        qu’us tengues en luoc del marit,

        ab so que m’aguessetz plevit

        de far tot so qu’eu volria.

        La contessa Beatriz do Dia visse nella seconda metà del XII secolo, eppure sapeva esprimere molto bene ciò che provava.
        Non è giunta la musica di questo canto!
        Peccato!

        Ci si comprende, Guido.
        Si può, al limite, creare un linguaggio comune, ma non credo ve ne sia bisogno.
        Dai, allora partiamo insieme ai nostri illustri amici!

        Un abbraccio
        gb

  2. massimobotturi ha detto:

    il Noveento ècome un vestito sgualcito,
    ma che non vuoi buttare

  3. ioviracconto ha detto:

    Un affresco rapido e prezioso del secolo andato.
    Ciao.

  4. wolfghost ha detto:

    Si potrebbe dire “chi sbaglia paga”… e noi di errori ne abbiamo fatti tanti.
    http://www.wolfghost.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...