Effetti del caldo

Da Back to the Future: “Penso che non siate ancora pronti per questo… ma ai vostri figli piacerà”. Nell’originale: “I guess you guys aren’t ready for that yet. But your kids are gonna love it.”

Come è risaputo, la calura estiva favorisce le manifestazioni di follia. Con questo spirito ho deciso di mettermi a sperimentare la registrazione di improvvisazioni musicali basate sul rumore, analogico e digitale, e a costruire un video. Il testo recitato è quasi tutto in francese e lo riporto, così come mi è venuto in mente:

Entrouverte – la porte entrouverte

étonnement

let’s play our life

à rébours
                  à rébours

sans metronome
chanter les rides
en liberté
là hors là hors
labyrinthe de rêves
sans grammatique

tu peux tu peux

farouche
                  sur la roche
                                    de ta rage

brise
                  égorge
                                    dévore

adelante adelante adelante

Annunci

Informazioni su guido mura

Ho svolto varie attività: insegnante precario di lingua e letteratura italiana all'Università, bibliotecario, insegnante d'informatica, fotografo digitale. Ho pubblicato brevi saggi di letteratura e di varia cultura, in vari libri e riviste. Mi diverto a scrivere testi narrativi e poetici; talvolta compongo musica. Attualmente vivo a Milano. Gestisco il blog guidomura.wordpress.com - Ora mi trovate anche su LopCom, Facebook, LinkedIn, Pinterest e sul mio canale youtube.
Questa voce è stata pubblicata in musica, poesie, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a Effetti del caldo

  1. stileminimo ha detto:

    E’ interessante… ipnotico direi. Il video mi ha lasciata un po’ così quando le immagini si sono ripetute; come dire che ne avrei volute delle altre, diverse. Sono belle. Perché in francese?

    • guido mura ha detto:

      Lavoro assolutamente amatoriale e tanto folle. Inventare altre immagini sarebbe stato possibile, ma molto faticoso: ho preferito creare un effetto di ripetizione. Scritto in francese perché quando sono in trance io parlo in francese, così come il diavolo (come tutti gli esperti sanno) parla in aramaico.

      • stileminimo ha detto:

        Io non conosco bene il francese e non so l’aramaico; con il diavolo non ci si capisce insomma. E mi spiace, perchè avrei parecchio da chiedere, al diavolo. Io in trance forse sto zitta… almeno lì. Ma non ne sono sicura. Com’è che si fa a scoprirlo?

  2. rossodipersia ha detto:

    Eh, ma il caldo ti rende visionario! Bel viaggio, direbbe uno degli anni 70 sotto l’effetto di LSD! 🙂

  3. gelsobianco ha detto:

    Chissà!
    Potrebbe divenire un grande successo!
    …sentendo e leggendo ciò che c’è in giro, poi! 😉

    Tu sei sempre così innovativo, Guido caro.
    Chissà!
    Hai realizzato talmente tanto in vita tua!
    No. Non rispondere a questa mia affermazione. So già che cosa mi diresti.
    Ed io replicherei sempre al solito.

    Tu vai in trance parlando francese?
    Dovresti non conoscere il francese!
    Allora sì che il tuo stato di trance sarebbe davvero da investigare!

    Ti abbraccio, pazzerello “unico”
    gelsa
    Evviva la tua diversità non banale!
    Non ne posso più di ovvietà!

  4. germogliare ha detto:

    Te lo chiami esperimento, qualcun altro lo avrebbe chiamato videoarte.
    Effettivamente quella voce mi sa di qualcosa di ultraterreno 😦

  5. icalamari ha detto:

    Ti ringrazio immensamente della condivisione di questa vena di follia amatoriale. Apprezzo e approvo. 🙂

  6. massimobotturi ha detto:

    Event 2013, lo chiamerebbe Stratos

    complimenti Guido,

  7. gelsobianco ha detto:

    “Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io
    fossimo presi per incantamento,
    e messi in un vasel ch’ad ogni vento
    per mare andasse al voler vostro e mio,”

    Avevo bisogno di risentire in me versi così!
    Forse è colpa del mio mal di testa.
    Non so.
    Forse.
    Tu che cosa ne dici, Guido?
    gelsettina

  8. wolfghost ha detto:

    Musica sperimentale si chiamava negli anni ’70 🙂 Certo, oggi ci sono i video e c’è più spazio per la creatività.
    … non lo ascolterei in macchina o per rilassarmi, ma per me… è un esperimento riuscito 😉

    http://www.wolfghost.com

  9. gelsobianco ha detto:

    **Avevi ragione, Guido!**
    Ti abbraccio, mon ami.

  10. étonnement!
    quello che ti fa restare e chiedere ‘ancora’.
    (grazie per questa condivisione)
    zena

  11. gelsobianco ha detto:

    Condividere con te qualcosa, Guido, è sempre un grande piacere ed… onore anche!
    Ti abbraccio
    gelsa
    Scrivi ancora! Ti prego!
    Fai anche musica innovativa, ma scrivi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...