Racconti usa e getta

inventati-distributori-di-storie-orig_main

http://www.tpi.it/mondo/francia/distributori-racconti-storie-grenoble-francia

Penso che i racconti troppo brevi siano una deformazione dell’arte narrativa, una resa alla velocizzazione postfuturista della nostra cultura, al nostro mondo di twits/tweets (in tutti i sensi). Sarà che sono portato a guardare con sospetto la semplificazione mistificante che domina le nostre elaborazioni culturali. Il trattato filosofico è sostituito nella fruizione dall’aforisma, l’articolo dal titolo-calembour, il romanzo dalla recensione in un blog letterario. La lettura non è più occasione per approfondire, ma per consumare. Infatti si privilegiano, cioè si scrivono e si pubblicano, quasi solo opere di consumo. In questo mondo, la forma più coerente di letteratura è il racconto-twit/tweet di poche righe. Nessuno vuole più perdere tempo a leggere davvero, tranne quelli che devono farlo per professione. Tutti sono troppo impegnati a parlare, sempre e comunque, con qualcuno.

Quando esco, a piedi o in auto, vedo continuamente persone che non fanno altro che parlare da sole, mentre attraversano ai semafori, sulle strisce pedonali, o quando passano nei sentieri dei giardinetti, o quando stanno per rientrare a casa. In quest’ultimo caso, si fermano davanti al portone e non entrano nemmeno, tanto sono coinvolte nel discorso.

Eppure queste stesse persone, una volta raggiunte le proprie stanze, e il proprio pc, incominciano a scrivere e scrivono per ore. Romanzi di seicento pagine, poesie (al ritmo di cinque al giorno), autobiografie più o meno romanzate. Scrivono e spesso pubblicano, anche,  volumi che nessuno leggerà mai.

Qualcun altro, invece, sceglie di assecondare la moda e produce testi brevissimi, commenti millimetrici, haiku e simili, e forse ha ragione. Probabilmente scrivere oggi non ha più senso.

Annunci

Informazioni su guido mura

Ho svolto varie attività: insegnante precario di lingua e letteratura italiana all'Università, bibliotecario, insegnante d'informatica, fotografo digitale. Ho pubblicato brevi saggi di letteratura e di varia cultura, in vari libri e riviste. Mi diverto a scrivere testi narrativi e poetici; talvolta compongo musica. Attualmente vivo a Milano. Gestisco il blog guidomura.wordpress.com - Ora mi trovate anche su LopCom, Facebook, LinkedIn, Pinterest e sul mio canale youtube.
Questa voce è stata pubblicata in commenti, realtà e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Racconti usa e getta

  1. elenagozzer ha detto:

    ….son tempi duri, questi.

    • guido mura ha detto:

      Si stava meglio ai tempi del Boccaccio, peste permettendo? Sono meglio i racconti o gli antibiotici? Sarebbe bene avere entrambe le cose. Basterebbe conservare il senso della misura, senza eccedere e senza farsi travolgere dalle mode. D’altra parte anche i troppi antibiotici non fanno un gran bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...