E adesso? Lenticchie

lenticchie

 

Per consolarmi delle tante notizie terribili che arrivano dalla tv e dalla rete e per non pensare alle mie spiacevoli prospettive personali, ho pensato di dedicarmi a cucinare le deliziose lenticchie di Castelluccio.

Era da anni che non mangiavo lenticchie e pertanto ho cercato informazioni sul web. Naturalmente poi avrei proseguito la preparazione a mio modo. La cosa più interessante e da tener presente è che queste particolari lenticchie, piccole e dalla buccia sottile, non necessitano di un preventivo ammollo notturno. Ho preferito comunque procedere a un ammollo di un paio d’ore, dalle 8 alle 10 del mattino.

Il primo tentativo di cottura è stato disastroso, perché essendomi immerso in una ricerca su computer ho lasciato seccare e bruciare la pentola. Peccato per le verdure carbonizzate. Ho riprovato il giorno dopo, con migliori risultati.

Dopo il breve ammollo delle lenticchie rimaste, ho tagliato finemente cipolla, sedano e carote e ho lasciato cuocere il tutto a parte, con pochissimo olio e acqua. Nella pentola principale ho messo la parte residua delle verdure, tagliata in modo più grossolano. Ho poi versato nella pentola prima le verdure già preparate, poi le lenticchie. Acceso il fornello, ho aggiunto l’acqua, il sale e un pomodoro rosso tagliato a tocchetti. Alla fine della cottura, quando ormai i legumi iniziavano ad ammorbidirsi, ho unito un po’ di broccoli, cavolfiori e broccoli romaneschi, già sbollentati in precedenza, e ho spolverato con prezzemolo tritato.

Non rimaneva altro che mangiare la zuppa con qualche crostone di pane.

Dato che la quantità era sufficiente per tre persone, mi son dovuto cibare di gustose lenticchie per pranzo e per cena. Infatti sono il solo divoratore di verdure della famiglia. Mia moglie non le sopporta proprio, specialmente i legumi, e mio figlio ormai vive e mangia per suo conto.

Alla prossima avventura!

PS.

Ho dimenticato di fotografare il piatto, per cui la foto ritrae le lenticchie ancora non utilizzate  🙂

Annunci

Informazioni su guido mura

Ho svolto varie attività: insegnante precario di lingua e letteratura italiana all'Università, bibliotecario, insegnante d'informatica, fotografo digitale. Ho pubblicato brevi saggi di letteratura e di varia cultura, in vari libri e riviste. Mi diverto a scrivere testi narrativi e poetici; talvolta compongo musica. Attualmente vivo a Milano. Gestisco il blog guidomura.wordpress.com - Ora mi trovate anche su LopCom, Facebook, LinkedIn, Pinterest e sul mio canale youtube.
Questa voce è stata pubblicata in cucina e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a E adesso? Lenticchie

  1. tramedipensieri ha detto:

    Ti sei abboffato praticamente 😊😂
    Purtroppo non riesco a digerirle l’ho scoperto ad un capodanno…

  2. wolfghost ha detto:

    ooooh!! A me piacciono tanto le lenticchie e… non ci crederai, ho ancora la scatola che avevo comprato per capodanno!! 😀 Quasi quasi… 😉
    http://www.wolfghost.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...