Il razzista

Ho intercettato, per un caso di fortuna che non sto a raccontarvi (veramente la Provvidenza divina è grande) questa lettera sconvolgente per il nostro pensiero progressista e la pubblico perché la ritengo un documento interessante, che esprime il pensiero di una minoranza esigua sì, ma ugualmente pericolosa. Ho dovuto tradurre in qualche modo il testo dall’americano e mi scuso per il linguaggio colorito, che è piuttosto inusuale per le pagine del mio blog.

Sono nato in Alabama, in una stupenda città costruita dai miei antenati.

I miei bisnonni combatterono nella guerra contro gli yankees

Avevamo delle bellissime terre, ma i nordisti ci hanno preso tutto e per giunta hanno liberato quei negri bastardi che noi mantenevamo nella nostra proprietà e che avevamo regolarmente comprato, con i nostri soldi. Questa gentaglia, questi ruffiani del Nord, hanno spezzato le nostre regole e hanno reso prepotenti e insolenti i bastardi negri, che ora si credono uguali a noi e spesso sono anche più ricchi. Vengono qua con la loro prepotenza a sbandierare i loro fucked dollars e pretendono di comprare tutto: case, terre, donne bianche e sfornano bastardi mezzosangue, come quel fottutissimo presidente, che non arriverà vivo alla nostra White House.

Quanto odio quei bastardi. Li ho visti nei loro ghettos nel Nord: sono sfrontati e prepotenti, ballano in strada e molestano tutti quelli che passano, se non sono della loro fottuta razza. Rubano, spacciano e violentano liberamente, e pagano pure i poliziotti, negri anche loro o merdosi latini, e così fanno tutto quello che vogliono.

My little sister di appena 20 anni è stata violentata, su al Nord, da un branco di sporchi negri in quella che essi chiamano gangbang: ebbene, a nessuno di loro sarà torto un capello, perché dicono che lei ci stava e che si è pure molto divertita.

Io rimetterò il mio cappuccio bianco e non avrò pace finché non avrò ricacciato in Africa questi sporchi orribili negri, insieme al loro presidente Obama bin Laden. Dobbiamo torturarli e ucciderli, terrorizzarli, e lo stesso faremo con i loro simili, bastardi mezzosangue, messicani, musi gialli, “maffiosi” italiani, ebrei che bruciano i bambini bianchi nei loro riti satanici, portoricani, arabi e tutta la merda che imbratta questo nostro stupendo paese bianco.

W il potere bianco

W il KKK

Il mittente di questa lettera, George J. Wayne, è attualmente ricercato per l’incendio di una casa ad Huntsville, in cui hanno perso la vita due persone di colore. Nel prato su cui la casa si affacciava sono stati trovati i resti bruciati di una grande croce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...